la nostra scelta di sostenibilitàscopri di più

ALICINO-Costituzionalismo-e-islam-Il costituzionalismo di fronte all’Islam | a cura di Francesco Alicino
prefazione di Nicola Colaianni – postfazione di Roberto Martino
Bordeaux Edizioni 2016

Recensione di Otello Marcacci

 

In un periodo storico nel quale le tensioni con il mondo islamico sono salite a un livello di allerta, Francesco Alicino arricchisce la sua bibliografia con un testo che si pone come obiettivo quello di studiare I Metodi alternativi di risoluzione delle controversie, anche detti ADR (dall’acronimo inglese di Alternative Dispute Resolution), nelle società multiculturali.

Il professore di Diritto comparato all’Università Lum “Jean Monnet” aveva già avvicinato il mondo islamico in passato, ma in questo testo pone l’accento sull’analisi di una serie di tecniche e procedimenti di risoluzione di controversie di tipo legale, alternative rispetto al giudizio amministrato dagli organi giurisdizionali pubblici.

Il ricorso alle ADR, gode tra l’altro del favore di molti soggetti giuridici perché si tende a credere che abbiano il vantaggio di una veloce ed efficace risoluzione dei conflitti insorti, con costi inferiori e maggiore riservatezza.
Il punto base della sua analisi è l’interessante presa di coscienza di quelli che vengono chiamati Ostacoli epistemologici, quelle convinzioni cioè di carattere comune, legittimate da una visione religiosa, che impediscono molto spesso di guardare alla realtà in quanto tale. Il costituzionalismo occidentale, sostiene Alicino, ha molto meriti ma anche una capacità di costruire strutture che impediscono di guardare l’attuale realtà. La geografia religiosa è stata stravolta dall’immigrazione. Solo in Italia da 500 musulmani censiti dopo la fine della seconda guerra mondiale si è arrivati ai due milioni attuali. In Francia è addirittura la prima religione. Tutti gli Stati occidentali devono affrontare il problema della religione che non entra nei canoni delle religioni tradizionali (è stato il ceppo giudaico-cristiano quello alla base del costituzionalismo europeo). Le ipotesi di deroghe, legate a organizzazioni religiosamente connotate sono tematiche che hanno valenza politico legislativa soprattutto nel mondo anglosassone (Canada e India su tutto) ma si possono considerare problematiche del mondo occidentale tout court e delle societa multilivello dal punto di vista pubblico.
La separazione tra religione e stato è un tema ben noto. Entrambi sono gruppi che producono diritto: uno fa riferimento a un territorio, l’altro vive attraverso i suoi fedeli. Questo pone il problema delle minoranze religiose all’interno di uno Stato. Il diritto internazionale stesso viene giustificato appunto da questo problema. Il tema delle giurisdizioni alternative viene analizzato non solo secondo la tradizionale teoria delle fonti ma stimola a valutare le grossi novità che sono alla base dei rapporti pattizi che ci sono e che derivano proprio dalle società multilivello con cui le categorie tradizionali sono costrette a fare i conti.
Alicino affronta le esperienze francesi e inglesi, diametralmente diverse tra loro. Nessuno dei due sistemi però ha evitato sanguinosi attentati sia a Parigi che a Londra.
I tentativi di mettere dei confini fissi e irrevocabili tra Chiesa e Stato ha creato una rigidità insostenibile in una società moderna, che è obbligata a tener conto del flusso di migrazione più grande della storia umana recente. Allo stato attuale la separazione di cui si sta parlando sta creando solo diseguaglianze di fatto ma per dirla come Colajanni “Il diritto di uguaglianza implica il diritto di differenza” e questa spinta differenzialista produce molti conflitti di fronte ai quali le democrazie occidentali si inceppano.
Il libro spinge verso un’indicazione molto forte che le vie del diritto moderno non possono che essere un allontanamento dall’arrocco che continua a persistere sul rispetto delle tradizionali religioni occidentali. E, per quanto di grosso impatto emotivo, se si analizza con freddezza il punto non si può che essere d’accordo con Alicino.

Share

Il costituzionalismo di fronte all’Islam | Francesco Alicino