la nostra scelta di sostenibilitàscopri di più

Il poema dell’acquaio | Mircea Cărtărescu
traduzione di Bruno Mazzoni
Nottetempo edizioni

di Emanuela Chiriacò

L’antologia Il poema dell’acquario è un’opera miscellanea, una selezione di poesie che Mircea Cărtărescu ha scelto da cinque sue raccolte precedenti: Poeme de amor (Cartea Românească, București 1983); Totul (Cartea Românească, București 1985); Dragostea poeme, 1984-1987 (Humanitas, București 1994); Dublu CD. Antologie de poezie (Humanitas, București 1998) e Nimic. Poeme 1988-1992 (Humanitas, București 2010).

Un’operazione potente per la scelta del processo creativo e dialettico che lo ha portato ai confini del suo sguardo, indagando le possibilità fisiognomiche della sua poesia che esula dalla fissità delle stelle, dall’onirico, dall’invisibile che sottende l’essenziale. Cărtărescu privilegia infatti elementi narrativi in contrasto con la tradizione lirica, elegiaca della poesia; manifesta piuttosto attenzione per i piccoli dettagli, per l’inanimata oggettistica della quotidianità a cui regala il respiro della vita e la profondità del logos, per lo sfondo urbano e i suoi arredi. Egli descrive poeticamente ricorrendo a registri linguistici diversi (gerghi e linguaggi dei media, della scienza) e restituisce una nuova narrazione poetica.

Con Cărtărescu nasce il sintagma texistență : una coscienza della scrittura dai toni neoromantici composta da più nuclei ambivalenti. Eterei e materici, liquidi e solidi per dare vita ad una poesia polimerica.

Ne Il poema dell’acquaio che dà il nome alla raccolta, il lavandino della cucina s’innamora di una stella:

un giorno l’acquaio prese una cotta
s’innamoro d’una piccola stella gialla nell’angolo della
                                                                 finestra della cucina
si confido con l’incerata e con il barattolo di mostarda
si lamento con le stoviglie bagnate.
un altro giorno l’acquaio svelo il suo amore:
– stellina, non brillare sopra il panificio e il molino
                                                                 dîmboviţa
vieni giú, quelli non hanno bisogno di te
loro hanno nel seminterrato centraline elettriche e
                                                                 sono pieni di lampade
ti dissipi posando la tua luce dorata sui tetti
e sui parafulmini.
stellina, il mio nichel ti desidera, il mio sifone ha
                                                                  borbogliato
ogni sorta di canti per te, per come lui può riuscirci
i piatti con rimasugli di pesce sott’olio
ti si sono già affezionati.
vieni, e brillerai tutta la notte sul reame di linoleum
regina degli scarafaggi rossi di cucina.

pero, ahimè! la stella gialla non rispose a questo appello
poiché lei amava un colino da brodo
della casa di un contabile della pomerania
e notte dopo notte si tormentava suggendolo con gli
                                                                          occhi.
sicché alla fine l’acquaio comincio a porsi domande
                   circa il senso dell’esistenza e la sua oggettività
e alla fine della fine fece una proposta all’incerata.

a un certo punto ho preso parte anch’io al gioco
                                                              dell’amore
io, il foro della tenda, che vi ho raccontato questa storia.
ho amato una splendida vettura dacia color crema
                                                              che ho visto solo una volta…
ma perché parlarne ancora, ora ho dei figli in età
                                                              prescolare
e tutto ciò ch’e stato mi sembra un sogno.

È il foro di una tenda, un occhio in/discreto che ci racconta la storia di questo amore non ricambiato. L’acquaio chiede alla stella di essere illuminato mentre lei posa la sua luce su un panificio e un mulino. A lui che è romantico basterebbe lei per scaldarsi con i baci lontani del suo lucore mentre gli altri due fanno ricorso ai filamenti di tungsteno, all’elettricità. La stella è sorda anche al borbottio del suo sifone, è già innamorata di un colino da brodo che si trova nella casa di un contabile di Pomerania. La delusione cocente lo porta a riflettere sull’esistenza e senza esitare sposta lo sguardo su di un’incerata. Così come ha fatto il narratore della storia, innamorato di una vettura vista una sola volta e di cui non vuole più parlare perché l’amore lo ha trovato, ha figli in età prescolare e quella evocazione gli appare lontana e inafferrabile come un sogno.

Nella poesia Scontro, si assiste alla descrizione lucida della putrescenza della comunicazione filtrata e della tenacia per superare quell’incomunicabilità:

alla fine ho provato a cercarti al telefono, ma la linea
                                                                      era defunta
la cornetta puzzava di formalina. ho svitato
                                                 il coperchio del microfono
e ho trovato il metallo arrugginito, pieno di vermi;
ho cercato un cacciavite
e ho smontato la carcassa: ai fili metallici del rocchetto
i ragni avevano fissato la loro tela.
sul cordone attorcigliato, ormai putrescente, con la
                                     gomma rovinata e il cavo scorticato
lasciavano il loro odore le formiche; l’ho afferrato, l’ho
                                      strappato finché e venuto via dalle
graffette nel muro insieme con l’intonaco,
ho continuato a tirarlo finché sono riuscito ad avvicinare
metro dopo metro il tuo quartiere al mio
rovinando farmacie, bar, pasticcerie, facendo scoppiare
                                                         condotte fognarie
sovrapponendo strati d’asfalto, schiacciando tanto le
stelle nel cielo violaceo, da tramonto, fra le case
che in alto e rimasta soltanto una lama di luce splendente
pulsante nell’aria bruciata, come da un fulmine.
tiravo il filo, e come un santone indiano volteggiante
                                                                     sulle acque
la statua di c.a. rosetti scivolava verso la questura
la sede comunale della seconda circoscrizione
si scontro con la torretta dei pompieri e venne giú
                                               insieme con un rito nuziale
e la via latina prese a sorridere; tiravo il filo,
avvolgendolo intorno al braccio, e d’un tratto
la tua casa con le modanature rosa e bianche simile
                                                 a un dolce fatto di calce
apparve con la tua finestra davanti alla mia finestra
i vetri andarono fragorosamente in frantumi
e noi ci siamo ritrovati l’uno di fronte all’altro
e ci siamo avvicinati sempre più
fino ad abbracciarci, schiacciando le nostre labbra
polverizzando i nostri abiti, i nostri tessuti di carne,
fondendo il nostro cuore
mangiandoci le ciglia, il bianco degli occhi, le costole,
                                                                     il sangue,
sbrecciando la nostra spina dorsale, bruciando.
bruciavamo crepitando, quasi fossimo cosparsi di benzina
ci struggevamo fra ghiacci bluastri, fra stalattiti di fumo
con la cera sfrigolante, con il grasso accecante
finché la cenere ha riempito il contenitore dietro
                                                il sofà e il lavabo del bagno
e i ragni hanno dispiegato le loro tele dentro il nostro
                                                                                  petto.

Una decomposizione a cui il poeta non si arrende tanto da smontare il telefono, simbolo di quella comunicazione, svitandone la cornetta che una volta aperta presenta vermi. Non li teme, li addomestica con la parola, continuando a perseguire il suo scopo. Il suo scopo è raggiungere l’amata e tira il cavo che gli permette di azzerare la distanza; lo avvolge attorno al braccio fino a giungere a casa di lei. Una casa che appare come un dolce fatto di calce. L’incontro è tra la finestra di lui e quella di lei, due trasparenze che si guardano e generano la frantumazione del vetro che li divide per permettere l’abbraccio, l’incontro, la fusione. La passione che bruciando incenerisce e copre tutto.

Nella poesia Addio! A Bucarest, il poeta viaggia indietro nel tempo, ai tempi dell’infanzia, del rossore della timidezza generato dalla vista della persona amata con ingenuità:

Addio! A Bucarest
un tempo siamo stati entrambi così vicini
che io mi ricordavo episodi della tua infanzia
e sognavo i tuoi sogni e quanto tu mangiavi l’arcobaleno alla yogurteria
                                                                                            vicino nestor
io diventavo di tutti i colori…
un tempo siamo stati entrambi così felici
che in facoltà ce ne stavamo nello stesso banco
ed il fondotinta della tua fronte mi pareva più
                                                                                importante per l’umanità
delle grandi scoperte geografiche.
e poi passeggiavamo dissolvendo nel colore del
cinescopio a colori dell’ombrello
negozi con frappè, sottovesti e medicinali nel
                                                                         sottopassaggio
i tuoi centocinquantaquattro centimetri
ripulivano l’asfalto che ci stava davanti
e squarciavano con i lampioni il buio del boulevard
davanti al teatro foarte mic
e trascinavano nella tua memoria altre voci, altre stanze…
è finita però, è finita! e ora con quale ganzo
ti avvinghierai ancora sotto le stelle, sotto grumi
                                                                          di diamante?
da ora la patina del tempo ha quasi virato
sul pattinatoio dei tuoi capelli platinati.
addio!
addio!
ADDIO!
a rivederci, amore, per questo autunno!
da ora il nostro amore rompe l’asfalto per lavori di
                                                                         canalizzazione
che ci garantiscano un’esistenza decente.

amore,
amata,
amante,
voglio ancora dirti
che ieri sera è crollato di solitudine
romarta, il negozio per l’infanzia.

Un amore finito che lo porta ad immaginarla accanto ad un altro, con il tempo che inesorabile scorre e ricopre i capelli platino di lei. Un addio ripetuto per convincersi che possa essere vero che un legame come il loro cresciuto con il passo sincronizzato, sia svanito. Quella fine capace di crepare l’asfalto, di creare il vuoto sotto ai piedi del percorso comune, di far provare la vertigine della caduta e fornire la visione del crollo per solitudine di un negozio per l’infanzia. Dunque la fragilità del sentimento che rende estraneo e lontano chi più sembrava far parte del respiro della vita dell’altro, lasciando macerie e detriti.

Cărtărescu è il poeta dell’acquaio, conduce poesia come acqua, genera pioggia che incontrando il freddo della solitudine di ritorno solidifica in neve, un manto morbido che attutisce la caduta procurata dall’amore finito, dalla perdita dell’innocenza

sopra la neve meravigliosa di bucarest, ora tu sei soltanto una ex collega di facoltà una dolce ex collega di facoltà, della facoltà, della gioventù…

Il poeta dell’elemento liquido, trasparente in/afferrabile e in/contenibile come l’amore che racconta.

 

Share

Il poema dell’acquaio | Mircea Cărtărescu

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *