la nostra scelta di sostenibilitàscopri di più

La tristezza ha il sonno leggero_Esec.inddLa tristezza ha il sonno leggero |  Lorenzo Marone
Longanesi

Motivazione: Il libro racchiude una profonda riflessione del protagonista, che per la prima volta decide di passare in rassegna i momenti fondamentali della propria vita e di affrontarli a uno ad uno, con uno stile di scrittura pregevole, originale e appassionante.

Recensioni dei lettori ZEST: Emanuela Chiriacò

La tristezza ha il sonno leggero racconta la storia personale e familiare di Erri Gargiulo.
Erri è un uomo di quaranta anni che cammina sul filo narrativo del romanzo, oscillando, sospeso, tra la sua interiorità, e il mondo circostante: la famiglia di origine e quella che ha cercato di costruire con Matilde.
Nella quotidianità monotona e assuefacente della vita di coppia anche l’amore scelto e costruito può incontrare e cadere nel vuoto della destrutturazione. Ciò che non va bene e non piace dell’altro diventa strumento di respingimento e allontanamento. Così accade a Erri e Matilde. La separazione riporta Erri a casa della madre, Renata, e del suo secondo marito, Mario. Erri ha due fratelli da parte di madre, Giovanni e Valerio, una sorella di nome Flor da parte di padre e Arianna, la figlia del secondo marito della madre. Una famiglia allargata al punto tale che è facile per lui perdersi in due dinamiche diverse e generate da due genitori totalmente inconciliabili, per cultura, modo di vedere e vivere la vita. Il suo sport preferito è il pentathlon della rinuncia: evitare il confronto, nicchiare, rendersi invisibile, sopportare in silenzio e subire passivamente. Un uomo fragile ed intelligente che paga lo scotto di una madre ossessiva che non lo lascia crescere pur spronandolo a reagire. Mentre riesce a trovare il conforto per essere com’è in Flor e Arianna. La sorella che lo sprona a fare qualcosa di folle per smuoverlo dal torpore esistenziale in cui vive e Arianna di cui è innamorato da quando era adolescente e che lo porta al confronto e al ragionamento. Ed è così che Erri ti prende per mano per portarti dove spesso non si va; nella terra dei piccoli traumi che ci trasciniamo dall’infanzia e che ci rendono ciò che siamo. Microfratture dell’ossatura emozionale che ci portano ad assumere posizioni antalgiche. Il dolore di sentirsi inadeguati e non accettati spinge Erri e tutti noi a seguire una terapia che sappia sopire il dolore pur convivendoci.
Il tema della relazione con il maschile della famiglia torna prepotentemente nel momento in cui Erri e la sua paternità si incontrano. È suo o non è suo il figlio che porta in grembo Matilde?
Per non lasciare la curiosità incompiuta, leggete questo bellissimo romanzo. Erri è un amico, di quelli rari e fa bene ogni tanto ricordare che ancora ne esistono.

Nota Biografica

LORENZO MARONE è nato a Napoli nel 1974. Dopo la laurea in giurisprudenza e qualche anno da avvocato ha deciso di dedicarsi alla scrittura.

Share

La tristezza ha il sonno leggero | Lorenzo Marone

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *