la nostra scelta di sostenibilitàscopri di più

marina cvetaevaTaccuini 1919 – 1921 | Marina Cvetaeva
Traduzione di Pina Napolitano
Voland Edizioni 2014


 

– “Intelligente, siete intelligente, non avete un cervello, ma un cervellone, – eppure – siete una donna!”
– “Non vi ho mai promesso che sarei stata un uomo!”

In questa confessione mai lasciata inesaurita, tra immagini, poesia, racconti di vita, Marina Cvetaeva, nella russa post rivoluzione, schiacciata dalla fame e dalla guerra civile, ci si sente trasportati nell’anima di una grande donna, forte, fragile, fuori da ogni canone.

Share

Taccuini 1919 – 1921 | Marina Cvetaeva

Discussion

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *