la nostra scelta di sostenibilitàscopri di più

sepofa_logoProgetto interessante nel campo della promozione editoriale e culturale, è una piccola realtà nata a Napoli nel quartiere di San Giovann Teduccio, quartiere problematico della città ma forse anche per questo fonte di grande creatività.

Sepofà nasce con il patrocinio dell’Assessorato alle Politiche Giovanili di Napoli con il fine non semplice di intervenire sul disagio socio-culturale della zona Napoli Est usando la cultura quale collante e fonte di contaminazione artistica tra realtà diverse ma non per forza conflittuali.

La scrittura, lo storytelling, la promozione della lettura e, perché no, anche la possibile scoperta di talenti nel campo comunicazione, coniugano la progettualità sociale a quella culturale, portando la letteratura in luoghi non convenzionali, quali ristoranti e bar, per raggiungere in maniera più flessibile il pubblico.

All’interno dell’ormai consolidata fiera del libro di San Giorgio a Cremano “Rincomincio dai Libri”, arrivata alla sua terza edizione con un notevole successo di pubblico, la Cooperativa Sociale Sepofà ha presentato per la prima volta il festival Green Word, dedicato alla letteratura ambientale.

Numerosi gli incontri organizzati all’interno del festival, che hanno toccando argomenti quali la problematica amianto, con la proiezione del docufilm “Asbeschool – Stop Amianto a Scuola”, il documentario autoprodotto da Stefania Divertito e Luca Signorelli che mostra l’attuale situazione di alcuni edifici scolastici mai bonificati, e lo smaltimento dei rifiuti, con l’incontro tra lo scrittore/giornalista Francesco de Filippo e Raffaele del Giudice che ha posto in primo piano il problema dello smaltimento illegale partendo dalla situazione emergenziale della Terra dei Fuochi. Interessante confronto durante l’ultima serata tra la situazione attuale dell’Ilva di Taranto e i progetti di bonifica di Bagnoli grazie alla preziosa collaborazione dello scrittore Giuliano Pavone il quale ha presentato il suo testo “Venditori di fumo – Quello che gli italiani devono sapere sull’Ilva e su Taranto” (Barney Editore).

Tra i progetti rilevanti il libro “Radici Emergenti. Storie di identità e territori”, frutto del concorso letterario per racconti brevi indetto lo scorso febbraio. Il libro è edito da Infinito Edizioni ed è la raccolta dei racconti scritti dai venti finalisti del concorso, impreziosito dalla prefazione della giornalista d’inchiesta Amalia De Simone e dalla copertina disegnata dal giovane artista napoletano Luca Carnevale, in un’ottica di promozione delle eccellenze culturali del territorio, così come vuole la mission stessa della cooperativa.

Sepofà curerà la promozione del libro su scala nazionale partendo proprio dalle città di origine degli autori dei testi, continuando nella propria opera di promozione dei valori della cultura, dell’arte del racconto, dell’importanza delle proprie radici.

Cristiana Bonfanti

Share

Sepofà e la promozione di una cultura Green