Supporta il progetto ZEST: associati, Sostienici oppure Abbonati alla Rivistascopri di più

What a Bee Knows:
Exploring the Thoughts, Memories, and Personalities of Bees

Stephen L. Buchman
Island Press 2023


articolo originale di Midge Raymond su EcolitBooks


Nel testo What a Bee Knows: Exploring the Thoughts, Memories, and Personalities of Bees dello studioso dell’ecologia dei pollinatori Stephen Buchmann, l’autore presenta una convincente argomentazione su perché è fondamentale prestare maggiore attenzione alle api (e proteggerle), offrendo narrazioni e racconti derivati dalla ricerca e dall’osservazione che mettono in risalto le affascinanti esistenze di queste straordinarie creature.

Per coloro che hanno a cuore (e questo dovrebbe riguardare tutti noi) o sono interessati alle api, questo libro rappresenta una scoperta. I lettori apprenderanno che esistono 21.000 specie di api nel mondo (circa 3.500 negli Stati Uniti) e che nonostante le api più famose siano le sociali api mellifere, la maggioranza nidifica nel suolo e vive in solitudine. Si scoprirà altresì che le api sono consapevoli di sé, possono provare dolore e possono intrattenersi, oltre a possedere memoria. Gli studi indicano che le api probabilmente sognano e utilizzano strumenti.

What a Bee Knows rappresenta una lettura particolarmente rilevante per chiunque abbia paura delle api, poiché “queste paure perlopiù infondate e fobie irrazionali alimentano un fiorente settore globale del controllo dei parassiti basato su sostanze chimiche letali ma non mirate”. Buchmann osserva che ogni anno negli Stati Uniti vengono utilizzate più di un miliardo di libbre di insetticidi, tre volte la quantità di sostanze chimiche rispetto all’epoca in cui Rachel Carson pubblicò Silent Spring sei decenni fa. What a Bee Knows ci esorta a considerare le api da una prospettiva differente e dimostra come il nostro avvenire dipenda da esse.

Ciò perché l’85 percento delle piante in fiore dipende dai polliinatori animali come le api e un terzo circa (il 35 percento) della fornitura alimentare mondiale avviene grazie alle api.

Tuttavia, questo libro va oltre il supportare la conoscenza sulle api e la loro rilevanza per la vita sul pianeta; rappresenta anche una lettura divertente. Conoscere le innumerevoli specie è illuminante per coloro che conoscono le api solo come insetti che vivono nei favi. Le api possono essere solitarie (l’80 percento lo è), sociali (come le api del miele, ad esempio) o parassitarie (come le api cuculo, che si introducono nei nidi non correlati e depongono le loro uova per essere allevate da altre api).

Le api hanno vite sessuali affascinanti: le regine delle api del miele si accoppiano con fino a quaranta maschi in volo a quindici miglia all’ora, dopo di che deporranno 1.000 uova. Alcuni maschi delle api tagliafoglie coprono gli occhi delle femmine durante il corteggiamento e l’accoppiamento. Le “api cactus”, pelose e solitarie, mordicchiano il collo della femmina durante il corteggiamento e l’atto sessuale dura dai dieci ai trenta secondi.

Le api pianificano il futuro. Le api sociali apprendono da altre api e sono “maestre costruttrici” quando si tratta di costruire le loro dimore, creando “forme geometriche così ripetibili e precise nell’oscurità dei loro nidi senza schemi o modelli evidenti”. Sebbene le api non sentano i suoni, sono sensibili alle vibrazioni. La maggior parte delle api è vegetariana, ma le “api avvoltoio” senza pungiglione si nutrono anche di carogne oltre che di nettare dai fiori. Le api percepiscono gli odori attraverso le loro antenne e assaporano con i loro piedi. Non riescono a distinguere il colore rosso, ma sono in grado di percepire la luce ultravioletta, non visibile a noi umani.

Sfortunatamente, gran parte di ciò che questo testo ci insegna sulle api è stato appreso tramite esperimenti con api in cattività. Una scoperta appare particolarmente triste: “Le api in cattività bevono sostanze amare o addirittura tossiche che possono causare malore o addirittura la morte”, mentre le api libere evitano tali sostanze. Buchmann spiega perché crede che le api possano provare dolore e rivela anche studi che indicano che le api possono provare ansia, ottimismo e cautela.

Tuttavia, non tutto riguardo alle api è ancora stato indagato; ad esempio, il sonno delle api è ancora oggetto di studio, anche se finora si sa che le api hanno tre fasi di sonno, inclusa una fase che favorisce la consolidazione della memoria.

Anche se c’è ancora molto da apprendere sulle api, ciò che si sa è che necessitano di protezione e ambienti adatti alla loro prosperità. Le api sono a rischio a causa della diminuzione degli habitat (in gran parte dovuta all’agricoltura zootecnica) e dei cambiamenti climatici, come sottolinea Buchmann: “Dobbiamo intervenire immediatamente per proteggere i pollinatori, comprese le api… Le api si sono sempre cavate bene per 130 milioni di anni, prima che arrivassimo noi a rovinare le cose per loro.”

Non trascurare l’appendice del testo, un elenco di dieci azioni per aiutare i pollinatori, tra cui piantare fiori selvatici; evitare insetticidi, erbicidi e fungicidi; ridurre le dimensioni del prato e evitare l’uso di pacciamatura; fornire rifugi per le api; e altro ancora. Come sottolinea Buchmann, “Le api hanno bisogno di luoghi dove vivere e di fiori, e poco altro.” Sicuramente noi umani possiamo fare la nostra parte.

Share

What a Bee Knows: quello che un’ape conosce

error: Content is protected !!